Cosa vedere a Montecatini Terme, località termale internazionale
cosa vedere a montecatini

Scopri cosa visitare a Montecatini Terme e dintorni nel cuore della Toscana, tra relax, liberty e prodotti tipici: il luogo ideale per una pausa rilassante o una vacanza di puro benessere.

 

Oggi ti portiamo con noi a Montecatini Terme, una delle località termali più rinomate in Italia e non solo, tanto che nel 2021 l’UNESCO la riconosce patrimonio dell’Umanità e viene insignita del titolo di “Grande città termale d’Europa”.

Situata nel cuore della Valdinievole in provincia di Pistoia, questa bella città toscana è senza dubbio uno dei poli turistici più interessanti della regione. Con i suoi 20 mila abitanti è da sempre meta turistica, grazie soprattutto alle sue fonti termali, che già nell’Ottocento attiravano in città molte persone, tra cui diversi personaggi illustri come Giuseppe Verdi, Ruggero Leoncavallo, Giacomo Puccini, e Vittorio Emanuele II. Le personalità più note sono oggi ricordate dalla “Walk of Fame” lungo i marciapiedi di viale Giuseppe Verdi.

 

 

 

Ma, se ci seguirai in questo tour virtuale, ti renderai subito conto che Montecatini Terme ha tutte le carte in regola per offrirti una vacanza rilassante ma anche divertente, all’insegna della cultura, del benessere e dello star bene a tavola, sia che tu sia di passaggio o, meglio ancora, che tu decida di sceglierla come base per visitare i suoi splendidi dintorni.

Montecatini si trova infatti in posizione decisamente favorevole rispetto alle grandi attrazioni della Toscana: Firenze, Pisa, Lucca e la Versilia sono a non più di mezz’ora di distanza, senza considerare l’ampia scelta di hotel a prezzi solitamente più convenienti rispetto alla grande città.
Ma andiamo per ordine!

 

🧳 Viaggia ed assapora la Toscana!

 

Un po’ di storia

La storia di Montecatini è strettamente legata a quella delle sue terme che vantano una tradizione secolare: pensa che le prime notizie scritte risalgono ad una pergamena lucchese datata addirittura 1201.

Nei secoli successivi continuarono ad acquisire una discreta fama, tanto che nel 1773 fu costruito il Bagno Regio, il primo stabilimento termale della cittadina. In questo periodo a capo del Granducato di Toscana sedeva il Granduca Pietro Leopoldo, figura centrale per la storia della città. Fu lui, infatti, a volere le opere di bonifica della zona della Valdinievole, fondamentali per il futuro sviluppo urbanistico, in quanto ne permise la ristrutturazione alla fine del XVIII secolo, con grandi e lunghi viali ornati da alberi, che puoi ammirare ancora oggi. Diventa località termale di prestigio all’inizio del Novecento, con la nascita, tra gli altri, degli stabilimenti Torretta ed Excelsior, periodo in cui vengono costruiti i grandi alberghi e i palazzi, tutti rigorosamente in stile Liberty.

Una curiosità: nel 1928 la città cambia nome, da Bagni di Montecatini a Montecatini Terme, ed insieme a tutti i comuni della Valdinievole passa dalla provincia di Lucca e quella di Pistoia.

 

COSA VEDERE A MONTECATINI TERME, DI GIORNO E DI SERA
[ torna al menu ]

 

Il nostro itinerario per te tra acque termali, shopping e vita notturna

Da Montecatini Terme a Montecatini Alta, collegate dalla funicolare e da visitare tutte a piedi, potrai rilassarti negli stabilimenti termali. A questi si affiancano i numerosi locali, ristoranti e discoteche molto apprezzati dai giovani, come pure fare shopping per le vie del centro o partecipare ai numerosi eventi che hanno luogo durante tutto il corso dell’anno, soprattutto nei weekend. Ma non pensare che la città sia soltanto un luogo di benessere o di divertimento perché è anche una bella località tutta da visitare, con monumenti e palazzi di rilievo, adatta anche ai bambini. E che dire poi delle sue specialità enogastronomiche?

L’itinerario che abbiamo preparato per te la dice lunga! Ti consigliamo di partire dalla piazza principale della città, Piazza del Popolo, non lontana dalla stazione ferroviaria Montecatini Centro. Da qui inizia viale Verdi, ovvero il principale asse stradale alberato cittadino, lungo il quale troverai tutti i più importanti monumenti e i centri termali di Montecatini Terme. E allora non ti resta che seguirci per una bella passeggiata a piedi.

 

1. La Chiesa Parrocchiale di S. Maria Assunta

chiesa montecatini
flickr, János Korom Dr. 20 Milli

 

All’inizio del nostro itinerario, proprio in Piazza del Popolo, potrai visitare uno dei monumenti più particolari ma allo stesso tempo rappresentativi di Montecatini Terme, la chiesa di Santa Maria Assunta, una basilica costruita alla fine degli anni Cinquanta sui resti di una vecchia chiesa neoclassica del 1800, su progetto dell’architetto Raffaello Fagnoni. Su pianta ottagonale, ha quattro cappelle poste ai lati del presbiterio. L’edificio è decisamente imponente, con strutture in cemento armato, ingentilite dai rivestimenti in travertino. Troverai particolarmente belle le vetrate interne, realizzate dalla mano del pittore Giorgio Scalco, ma vale la pena anche ammirare la scultura “Il Crocifisso”, di Sauro Cavallini. La croce sulla cima del campanile a base quadrata è uno dei punti più alti della città.

 

2. Il Parco Termale

parco termale
pixabay, KarinKarin

 

Dal viale si arriva al Parco Termale, il polmone verde di Montecatini con i suoi rinomati giardini, tra magnolie, pini marittimi e molte altre specie arboree. Sorge nelle vicinanze di tutti i principali stabilimenti termali – lo Stabilimento Tamerici si trova direttamente al suo interno – e rappresenta una ulteriore bella opportunità di svago e relax. Spesso viene scelto come sede per eventi sportivi e iniziative di vario tipo e da alcuni anni ospita la “Città di Babbo Natale”, iniziativa di richiamo nel mese di dicembre. Al suo interno anche Termeland, un parco di divertimento completamente dedicato ai bambini.

Le terme di Montecatini sono alimentate da quattro sorgenti site a 60 metri di profondità, da cui scaturiscono altrettante acque termali con caratteristiche differenti: Leopoldina, ideale per le cure idropiniche in quanto depura l’apparato gastrointestinale; Regina, che coadiuva la cura delle disfunzioni biliari e l’insufficienza epatica; Tettuccio, che depura il fegato e favorisce la digestione; Rinfresco che favorisce la diuresi e l’eliminazione delle scorie.

 

3. Le Terme Tettuccio

terme tettuccio
flickr, Hermann Maurer

 

Gli stabilimenti termali di Montecatini sono tutti molto belli e di grande livello, uno su tutti però spicca per la maestosità della sua architettura, ed è lo stabilimento Tettuccio, conosciuto come “Bagno Nuovo” sin dal XIV secolo. Devono il loro nome ad una tettoia che faceva da copertura alla prima sorgente. Lo splendido edificio che ti troverai davanti fu realizzato su progetto dell’architetto Gaspero Maria Paoletti tra il 1779 ed il 1781 e successivamente ristrutturato da Ugo Giovannozzi, tra il 1916 e il 1928, seguendo il modello delle terme romane. Notevole il suo ingresso monumentale, gli imponenti colonnati e le statue in marmo di Carrara.

 

4. Le terme Leopoldine, le Terme Excelsior e gli altri stabilimenti termali

terme excelsior padiglione
flickr, Valdinievole Post -Terme Excelsior

 

Così chiamate in onore del Granduca di Toscana Pietro Leopoldo, sono le seconde più antiche di Montecatini, con una grande vasca contornata da edifici classicheggianti. Risalgono invece ai primi anni del Novecento le altrettanto belle Terme Excelsior, tipico esempio di scenario liberty a cielo aperto, dove potrai davvero immergerti nelle atmosfere di quei tempi, arricchite da bei colonnati e affreschi che ti sorprenderanno. Qui potrai effettuare terapie inalatorie, crenoterapia e fangoterapia, oltre a godere a pieno del relax del centro benessere. Un altro stabilimento, le Terme Redi, si trova in viale Alessandro Bicchierai, poco distante.

 

5. Il Palazzo comunale e il MO.C.A.

Superato il primissimo tratto del viale si raggiungono la Palazzina Regia (1783) voluta da Pietro Leopoldo ed il Palazzo Comunale, al cui interno potrai visitare il Museo di arte contemporanea di Montecatini, il MO.C.A. (Montecatini Contemporary Art), inaugurato nel 2012 come prima galleria civica di Montecatini, con opere di autori famosi in tutto il mondo come Annigoni e Mirò. Il palazzo, progettato dall’architetto Raffaello Brizzi e dall’ingegner Luigi Righetti, risale ai primi del Novecento, è particolarmente ricco in decori sia interni che esterni, ad opera della stessa mano artistica che nel medesimo periodo eseguì lavori non diversi in alcuni hotel di lusso della città e nel casino. Di particolare bellezza il salone al piano nobile, con balconata a sbalzo.

 

6. Il Padiglioncino Tamerici

Nato come deposito e per il commercio del sale della ditta omonima, il Padiglioncino Tamerici è un elegante edificio in stile liberty, uno dei più particolari di tutta Montecatini Terme. Sorge sempre lungo viale Verdi, e alle sue spalle si trova un bel parco, occupato per buona parte dal Nuovo teatro Verdi. Realizzato dall’architetto Giulio Bernardini, è rinomato per i suoi bassorilievi che si ispirano all’arte dei ceramisti, e per le decorazioni realizzate da Galileo Chini, uno dei protagonisti dello stile liberty in Italia, mentre il rivestimento esterno in pannelli di gres fu realizzato da Domenico Trentacoste.

 

7. Funicolare e Montecatini Alta

funicolare montecatini
flickr, flickr, Martin

 

A questo punto non ti resta che salire sulla la funicolare verso Montecatini Alta. La stazione della funicolare si trova in viale Diaz, poco oltre la sede del Museo di arte contemporanea. La salita fu inaugurata il 4 giugno 1898, alla presenza del grande maestro Giuseppe Verdi, ed è quindi la seconda più vecchia d’Italia, dopo quella di Napoli che è del 1880. Salendo a bordo dei suoi trenini rossi ti sembrerà di fare un tuffo nel passato!

Al termine di troverai in collina, a 300 metri di altitudine, e da questo piccolo borgo potrai godere di uno splendido panorama su tutta la vallata. Da non perdere anche la visita alla chiesa del 1746 dedicata ai Santi Jacopo e Filippo, tutta in stile barocco, il convento con annessa chiesa di Santa Maria a Ripa, edificio monastico del XVI secolo, e la chiesa di San Pietro, originariamente chiesa del castello di Montecatini.

 

8. Grotta Maona

Se invece decidi di salire a Montecatini Alto in auto o utilizzando i trasporti pubblici, proprio sulla strada troverai la Grotta Maona, una millenaria grotta naturale scoperta nel 1860 in occasione dello scoppio di una mina nella cava, e unica ad avere due pozzi, uno di entrata alla cavità, profonda 20 metri e lunga circa 200, e uno di risalita. Qui, ad una temperatura costante di +15°C, potrai ammirare un paesaggio da fiaba, con cascate di stalattiti e foreste di stalagmiti. E se sei fortunato potrai incontrare i suoi abitanti, rari pipistrelli di una colonia di 30 esemplari, simbolo di questa attrazione naturale.

ORARI: Da maggio a ottobre. Da lunedì a giovedì aperti su prenotazione. Venerdì, sabato e domenica aperti tutti i giorni dalle 11.00 alle 13.30 e Dalle 15.30 alle 19.30

 

9. Piazza Giuseppe Giusti

La piazza centrale di Montecatini Alta è contornata da piccoli locali con menù caratteristici. Alla sera, con le luci accese, si presenta davvero incantevole e particolare. Il piccolo centro è raggiungibile in macchina, a piedi dai piccoli viottoli che si snodano da Montecatini Terme o ancora con la funicolare, di cui ti abbiamo raccontato poche righe fa.

 

COSA MANGIARE, COSA ACQUISTARE E COSA FARE A MONTECATINI TERME
[ torna al menu ]

 

Tutte le specialità enogastronomiche di questa bella località toscana

Terminato il giro che ti abbiamo suggerito, non ti resta che scegliere cosa assaggiare per prima tra le varie specialità enogastronomiche ed i prodotti tipici che potrai trovare nei negozi specializzati del centro o nei numerosi ristoranti della città.

 

Dal dolce…

Noi ti suggeriamo di fermarti in una delle pasticcerie o dei bar del centro e di iniziare dal dolce, in particolare con la Cialda di Montecatini Terme, prodotta per la prima volta artigianalmente da Orlando Bargilli nel 1936 e unica nel suo genere. Anche se a Montecatini potrai trovare un’ampia selezione di pasticceria tradizionale, come i necci – le schiacciate di farine dolce -, i brigidini, il castagnaccio e i confetti, questi ultimi in vendita anche sulle bancarelle nei giorni di mercato. Da assaggiare assolutamente anche il Briganduno di Lamporecchio, una cialda croccante di farina, zucchero e uova e retrogusto di anice.

 

…ai vini…

I vini della Valdinievole, zona vinicola sotto la denominazione “Chianti Putto”, sono tutti molto apprezzati, in particolare il “Bianco della Valdinievole”, dal sapore secco e aromatico.

 

..fino al salato!

Tutta la provincia di Pistoia è rinomata per la produzione della ricotta con latte di pecora, quella di Montecatini poi è molto leggera e vellutata, gustosissima con le schiacciate di farina dolce ma anche come condimento o secondo piatto. Non dimenticare di assaggiare e di portarti a casa l’Olio delle colline di Montecatini, leggero e saporito.

 

Un cesto di tipicità

Molti sono i prodotti tipici che provengono dai monti e dalle colline intorno a Montecatini, come mirtilli, fragole, more e lamponi, dalle quali si ricavano gustose marmellate, sciroppi ma anche preparazioni alcoliche e liquori, come ad esempio le grappe aromatizzate.
O le castagne, soprattutto quelle della “Svizzera Pesciatina” sia bollite che sul fuoco vivo come “frugiate” o trasformate in farina, ingrediente base per il gustosissimo “neccio”.

 

Le carni

La Valdinievole tiene alta la tradizione toscana di salumi e carni: finocchiona, prosciutto crudo salato e salame toscano da gustare a merenda insieme al pane locale. Che dire poi delle fiorentine di razza chianina presenti in tutti i menu della città, una vera prelibatezza.

 

Le vie dello shopping

A Montecatini shopping fa rima con accessori d’alta moda di tutte le marche più importanti e rinomate a livello nazionale ed internazionale. Le zone più calde dove fare acquisti sono concentrate in Corso Matteotti, Viale Verdi, Viale 4 Novembre e Corso Roma, nella parte centrale della città bassa. Non mancano anche negozietti con cartoline e souvenir.

 

COSA VEDERE NEI DINTORNI DI MONTECATINI TERME
[ torna al menu ]

 

I dintorni della Valdinievole spaziano dalla collina alla montagna e molti sono i luoghi da visitare partendo da Montecatini, come ad esempio l’altra città termale della zona, Monsummano Terme, ed alcuni borghi di origine medievale, tra i quali ti raccomandiamo Pescia e Cutigliano.

La nostra città termale può essere poi un’ottima base per visitare altre città come Firenze, Lucca, Pisa o anche la Versilia e la zona del Chianti.

 

Eventi da non perdere
[ torna al menu ]

 

1. Il Natale a Montecatini Terme, la Casa di Babbo Natale e il Villaggio degli Elfi

dolci di natale ricette
natale e dolcetto di natale

 

Ogni anno nel periodo natalizio presso gli stabilimenti termali Tettuccio, nasce il Santa Claus Village, un evento molto apprezzato dalle famiglie che vogliono far vivere ai bambini la magia del Natale tra giostre, show di magia, spettacoli circensi e vari laboratori a tema.
All’interno del Minigolf Montecatini viene invece allestito il Villaggio degli Elfi, altro luogo incantato ricco di ambientazioni legate ad Elfi e Fate, con spettacoli di magia e laboratori.

 

2. Percorsi Enogastronomici

Le colline della Valdinievole, rinomate per la produzione di olio e i vini, grazie al massiccio montuoso del Montalbano, offrono diversi percorsi enogastronomici da effettuare nel weekend con visite in cantina e nelle aziende agricole, con degustazioni di vino e olio, abbinati ai prodotti tipici della zona.

 

3. “Food&book”, festival del libro e della cultura gastronomica

Ogni anno ad ottobre viene organizzato il Festival “Food e book” che ha come protagonisti scrittori e chef famosi, con percorso guidato e illustrato dalle degustazioni nei banchi di assaggio e show cooking. Ad ingresso libero, fatta esclusione per alcuni laboratori e le cene, prevede anche spazi dedicati ai bambini con laboratori creativi e di cucina e inviti alla lettura.

 

4. “Slow wine” la degustazione dei vini delle 500 migliori cantine

È la degustazione che si tiene ogni anno presso le Terme Tettuccio, oltre che uno dei momenti più importanti del calendario “vinoso” italiano con più di 500 aziende selezionate dalla guida e oltre 1000 etichette. Prevede percorsi di degustazione per conoscere i metodi produttivi e la morfologia della terra di produzione.

 

COME ARRIVARE E VISITARE MONTECATINI TERME
[ torna al menu ]

 

In treno

Con i treni regionali sia da Firenze che dalle altre città della Toscana come Pistoia e Lucca. Se arrivi da fuori regione, puoi raggiungere Firenze con un treno ad alta velocità e poi prendere un treno regionale.

In auto

Autostrada A11 Firenze – Mare, uscita Montecatini Terme.

A questo punto, ora che sai cosa vedere a Montecatini Terme e dintorni, non resta che augurarti buona vacanza in Toscana! 😉

 

Foto copertina: Unsplash, gulzada-bektemirova

L’autore

client-photo-1
Italia Delight
Italia Delight è il primo marketplace che ti permette di prenotare esperienze e viaggi enogastronomici su misura direttamente con i migliori Esperti del gusto italiani, professionisti dell’enogastronomia e del turismo. Offre un sistema di prenotazione innovativo per viaggiatori e aziende.

Commenti

Lascia un commento