Tutti i segreti delle ricette toscane
cucina toscana ricette tipiche

Una breve guida sulle ricette toscane più gustose e conosciute nel mondo.

 

La cucina regionale toscana è decisa e forte, allo stesso tempo semplice, con pochi ingredienti dal gusto intenso.
Turisti da ogni parte del mondo arrivano nel capoluogo della Toscana per assaggiare la Fiorentina: cottura al sangue, di un rosso intenso, quasi pulsante, come il cuore di questa regione che, proponendo le ricette toscane tradizionali, ha consolidato una fama internazionale.

La cucina toscana è fra le più antiche cucine regionali italiane e lo testimoniano ricette tipiche della Toscana rimaste immutate che tutt’oggi troviamo nelle tavole locali.
Un esempio fra tutti è l’utilizzo odierno del pane sciapo e del suo riutilizzo per molte ricette della cucina toscana come la panzanella, la pappa al pomodoro e diverse zuppe della tradizione.

Una cucina povera, storicamente segnata dall’allevamento e dall’agricoltura con notevoli produzioni di formaggi, carni e salumi di qualità grazie alla figura del macellaio e del mastro salumiere, in questa zona pilastri della tradizione culinaria toscana.
Importante l’uso delle verdure e dei legumi che troviamo in molte zuppe gustose che completano una cucina dal carattere rustico.
Ovviamente non possiamo non parlare del successo della produzione di vino del territorio che accompagna i piatti tipici toscani (vedremo nell’articolo i migliori abbinamenti!).

Il viaggio per scoprire le ricette tipiche toscane inizia ora!
Di seguito imparerai tutti i segreti dei piatti toscani più amati: dal crostino nero di fegatini di pollo, passando per i pici e gli innumerevoli primi piatti toscani tipici, toccando anche secondi di carne e secondi di pesce toscani finiremo con il dolce in bocca di un cantuccio con le mandorle. Troverai in Toscana ricette tipiche proprio per tutti i gusti.

Qui di seguito tutte le ricette regionali toscane più famose in abbinamento ai vini.

 

Ricette Antipasti toscani

CROSTINI TOSCANI

I crostini toscani, chiamati anche “crostini neri”, sono il tipico antipasto toscano della cucina contadina. Il pâté che ricopre il pane sciocco (sciapo) è di fegatini di pollo, una parte povera dell’animale che si può trovare mischiata anche ad altri ingredienti.
Era tra i cibi toscani di recupero: si faceva un paio di volte al mese per riutilizzare il pane indurito che, bagnandolo con il brodo e il vin santo, diventava un’ottima base per i crostini.
Ancora oggi alcuni continuano la tradizione bagnando un lato della fetta di pane con il brodo ma si utilizza quasi sempre il pane fresco abbrustolito.
Il pâté viene fatto con un soffritto di cipolle (a volte si può trovare con sedano, carote e prezzemolo) sfumato con il vin santo e cotto con un po’ di brodo di pollo.
Per un pâté più morbido e vellutato viene passato al mixer con l’aggiunta di acciughe e capperi per una spinta in più, altrimenti può essere semplicemente tagliato al coltello più grossolanamente.

Vini in abbinamento: Rosso Piceno DOC superiore, Rosso Val di Cornia DOCG, Rosso di Montepulciano DOC, Morellino di Scansano DOCG

ricetta tipica toscana
Flickr, no answers 2

 

CROSTINI ROSSI ALLA CHIANTIGIANA

Questa ricetta tipica toscana è una variante vegetariana al tipico crostino con i fegatini! Quasi una piccola panzanella sul crostino, composta da pane raffermo bagnato con aceto, aglio, capperi, pomodoro e prezzemolo, il tutto condito da sale, pepe e una porzione generosa di olio extravergine.

Vini in abbinamento: Alezio Rosato DOC, Orcia Rosato DOC

 

CROSTINI ROSSI PICCANTI TOSCANI

Per gli amanti del piccante, sul pane toscano può essere servita una salsa al pomodoro con acciughe, prezzemolo e peperoncino. A voi la scelta nella quantità di peperoncino da utilizzare nelle vostre ricette di cucina toscana.

Vini in abbinamento: Montepulciano d’Abruzzo DOC, Morellino di Scansano DOCG

 

CROSTINI DI CAVOLO NERO

Pochi ingredienti ma buoni fanno dei crostini al cavolo nero uno degli antipasti toscani tipici vegetariani più apprezzati. Il gesto di sfregare l’aglio sul pane sciapo è una tradizione che tutt’oggi viene rispettata. Pochi altri gesti compongono questo piatto tipico della Toscana: lessare il cavolo nero, servirlo sul crostino e condire il tutto con olio di oliva, sale e pepe.

Vini in abbinamento: Chianti Classico DOCG, Rosso Piceno DOC

 

FAGIOLI ALL’UCCELLETTO

Antipasto, contorno o piatto unico, i fagioli all’uccelletto sono un piatto tipico toscano vegetariano dalla molteplice funzione. È un piatto della tradizione contadina, povero ma dall’ottimo apporto proteico. Il nome di questo antipasto tipico toscano desta curiosità e la sua origine non è certa ma Pellegrino Artusi (stimatissimo gastronomo italiano) lo riconduce agli ingredienti che condiscono i fagioli un tempo utilizzati per cucinare l’uccelletto.
Una seconda spiegazione è che questa ricetta toscana sia stata per lungo tempo l’accompagnamento dell’uccelletto e da qui prenderebbe il nome.

Un saporito sughetto di pomodoro profumato con aglio e salvia accoglie i fagioli precedentemente lessati componendo un piatto toscano di tutto rispetto.

Vini in abbinamento: Cortona DOC

ricette tipiche toscane
Flickr, julia_HalleFotoFan

 

BRUSCHETTA O FETTUNTA

Pane toscano raffermo o fresco abbrustolito a piacimento condito con olio di oliva, aglio, sale e pepe nero. A volte non c’è niente di più buono di queste ricette antiche toscane.
Ancor di più se utilizzate un buon olio extravergine di oliva Toscano IGP.

Vini in abbinamento: Chianti Colli Senesi DOCG

ricette toscane
Flickr, Moreno Magherini

 

 

Ricette Primi piatti toscani

PAPPA AL POMODORO

La canzone che cantava Rita Pavone si intitola “Viva la pappa col pomodoro” ed esprime la felicità di Giovannino (Gian Burrasca) di poter finalmente mangiare qualcosa di buono: la pappa al pomodoro.
Fra le ricette toscane primi piatti più semplici forse non esistono, ma in pochi sanno farla bene. L’origine è nei dintorni di Siena.
In poche parole, è una zuppa con pane toscano raffermo, pomodori pelati, aglio, abbondante olio e basilico per profumare. Il pane si ammollerà e darà consistenza alla pietanza.
Buona d’inverno come zuppa calda ma ottima anche tiepida per l’estate.

Vini in abbinamento: Vernaccia di San Gimignano DOCG, Bianco di Pitigliano DOC, Maremma Toscana DOC Viognier, Dolcetto d’Alba DOC, Colli Albani DOC

cucina toscana ricette tipiche
Flickr, Hotel Duomo

 

PASTA E CECI ALLA TOSCANA

In una cucina della Toscana non può mancare inverno senza il piatto tipico toscano della pasta e ceci: cottura lenta e un tocco di pomodoro sono il segreto di questa famosa ricetta toscana.

Vini in abbinamento: Chianti Classico Riserva, Vino Nobile di Montepulciano

 

RIBOLLITA

Il primo piatto toscano tradizionale del venerdì, che mette insieme gli avanzi della settimana.
Da padrone la fanno le verdure stagionali (di solito autunnali o invernali), i fagioli e l’ormai conosciuto pane toscano raffermo. Il nome nasce dal bisogno di una cottura lunga che bolle e ribolle più volte.

Vini in abbinamento: Chianti DOCG, Morellino di Scansano DOCG

ricette della cucina toscana
Flickr, Stephanova

 

PAPPARDELLE AL SUGO DI CINGHIALE O ALL’ANATRA

Nella cucina toscana ricette tipiche con le pappardelle sono davvero un must. Gustoso e saporito, il condimento del sugo al cinghiale o all’anatra viene splendidamente raccolto dalle pappardelle all’uovo. Il tipico piatto toscano da ordinare al ristorante o da fare a casa a partire dalla pasta fresca.

Vini in abbinamento: Chianti Classico DOCG, Rosso di Montalcino DOC

 

PANZANELLA

Oggi questa specialità toscana è chiamata anche “pansanella”, “panmolle” opanmòllo”, il nome sembra derivi dall’insieme delle parole “pane” e “zanella” (che significa zuppiera) oppure dalla parola “panzana” cioè pappa.

In ogni caso ha origine dalla sacra abitudine di salvare il pane della settimana bagnandolo e condendolo con le verdure dell’orto. La ricetta della cucina toscana tradizionale implica l’utilizzo di pane raffermo, pomodori, cipolla, basilico, olio, sale e pepe. Probabilmente nell’antichità non venivano utilizzati i pomodori, allora solo pianta da esposizione.
Addirittura Boccaccio ne parla con il nome di “pan lavato”.

Ad oggi ogni città ha la propria versione di questi cibi toscani tipici.

Vini in abbinamento: Maremma Toscana DOC Viognier, Orcia Rosato DOC, Chardonnay del Salento

toscana ricette tipiche
Flickr, Steve Simpson

 

TORDELLI LUCCHESI

Con questa pasta fresca ci troviamo in Versilia, nella parte nord-ovest della Toscana che comprende la città di Lucca.
I tordelli lucchesi hanno la forma di mezzaluna e sono la tipica pasta ripiena toscana.
Dalla pasta più doppia e più bianca rispetto a quella emiliana, i tordelli (sì, proprio con la d!) racchiudono un ripieno di carne, bieta e formaggio.
Erano fra le antiche ricette toscane consumate dai contadini come piatto di festa il Giovedì Grasso.

Vini in abbinamento: Colline Lucchesi Rosso DOC

 

CACCIUCCO ALLA LIVORNESE

Rivendicato dai livornesi, il cacciucco può essere sia di mare che di terra, con carni e cacciagioni. Alla prima versione però i toscani sono molto legati ed è presente una leggenda livornese che narra la sua nascita: un pescatore morendo in una tempesta lasciò in miseria la sua famiglia. Così ognuno dei pescatori donò del pesce ai figli del pescatore per farli mangiare.
Vista la varietà del pesce la madre preparò una zuppa, che riversò sopra a delle fette di pane raffermo per rendere il pasto più sostanzioso. Nacque così il cacciucco.

L’ingrediente principale del cacciucco di mare ovviamente è il pesce, come lo scorfano, il cappone, le gallinelle, le tracine e molti altri insieme a molluschi come polpi, seppie, moscardini e totani.
Qualche cozza e crostaceo sta sempre bene con il condimento di pomodoro fresco o passata, una sfumata di vino rosso e il pane raffermo agliato. Il tocco finale è a piacere con olio di oliva, salvia, peperoncino e prezzemolo.

Vini in abbinamento: Chianti Classico, Catarratto, Bolgheri Rosato DOC

toscana ricette
Flickr, Florian Rieder

 

PICI ALL’AGLIONE

I pici all’aglione è un primo piatto tipico toscano originario della zona di Siena.
I pici sono un formato di pasta lunga e doppia spesso preparata in casa. Vengono conditi con un sugo di aglione (aglio dalle grandi dimensioni e dal gusto meno intenso proveniente dalla Valdichiana) e pomodoro.
È una ricetta toscana semplice da preparare anche a casa ma dal gusto intenso.

Vini in abbinamento: Chianti Classico

 

MINESTRA DI FARRO DELLA GARFAGNANA

La Garfagnana è la zona più a nord della Toscana ed è da sempre caratterizzata dalla coltivazione del farro. Da questo splendido prodotto nasce questa ricetta della cucina regionale toscana.
Pochi ingredienti per questo piatti tipico toscano: farro, pancetta o lardo e fagioli. Pecorino toscano e pane raffermo per completare. Una minestra ricca che fa anche bene.

Vini in abbinamento: Chianti Colli Senesi DOCG, Chianti Rufina DOCG, Rosso di Montalcino DOC

cucina regionale toscana
Flickr, Alpha

 

ZUPPA MAREMMANA

Forse più comunemente chiamata acqua cotta, la zuppa maremmana è una ricetta toscana con cipolle, sedano, pomodoro e peperoncini cotti a fuoco dolce con l’aggiunta di acqua e brodo e infine le uova sbattute. Deve rimanere brodosa e di solito viene servita con un base di pane toscano ricoperto da formaggio.

Vini in abbinamento: Chianti DOCG, Barbera, Montepulciano d’Abruzzo DOC

 

TESTAROLI

Parlando di ricette Toscana vuol dire anche piatti meno conosciuti e particolari, ma fortemente rappresentativi del territorio.

I Testaroli sono infatti un formato di pasta tipico della Lunigiana (alta Toscana) protetti dal presidio slow food essendo uno dei più antichi formati di pasta.
Viene realizzato con farina di grano tenero, acqua e sale formando delle simil crespelle tagliate a rombi, cotti in acqua bollente e conditi tradizionalmente con olio, basilico e formaggio.

Vini in abbinamento: Riviera Ligure di Ponte Pigato DOC, Vermentino Ligure

 

RAVIOLI GNUDI

Per chi dice che il ripieno dei ravioli è la parte più buona ha trovato il suo paradiso: gli gnudi (tradotto “nudo”, “spoglio”) sono proprio questo. Spinaci, ricotta, formaggio grattugiato, uova, un pochino di farina ed un tocco di noce moscata vanno a formare delle pallotte o quenelle che vengono bollite e lucidate con un burro aromatizzato alla salvia.

Vini in abbinamento: Chianti Classico Riserva DOCG

 

Secondi piatti toscani

BISTECCA ALLA FIORENTINA

La regina delle ricette toscane di carne è la bistecca alla fiorentina.
Qui la qualità della carne è tutto e in Toscana troviamo diverse razze bovine importanti ma l’Accademia della Fiorentina definisce che le carni per la preparazione di questo piatto tipico toscano devono provenire dal Vitellone bianco dell’Appenino Centrale.

Il taglio che ci interessa per ottenere la fiorentina è la lombata di vitellone o di scottona, con il filetto, il controfiletto e nel mezzo l’osso della costola, sempre molto apprezzato.
Anche la frollatura e la marezzatura fanno la loro parte nel gusto di questo piatto tipico toscano.
La cottura ad alta temperatura forma la crosticina che racchiude i succhi della carne, che solo a fine cottura verrà salata.

Ben cotta, media o al sangue, lo spessore della bistecca deve essere, in ogni caso, di minimo di 5 cm e in molti ristoranti si parte da una pezzatura minima di 0,800-1,200 Kg.
Ogni ristornate ha la sua filosofia e si può arrivare anche ad un minimo di 2 kg, ovviamente da condividere!

Vini in abbinamento: Nobile di Montepulciano DOCG, Nebbiolo d’Asti, Amarone DOCG

secondi piatti toscani
Flickr, Yasuko Kageyama

 

PROSCIUTTO TOSCANO DOP

Adagiato su una fetta di pane sciapo toscano, con la sua nota salina è perfetto l’abbinamento con del prosciutto toscano DOP.
Questo prosciutto, nella sua forma intera, si riconosce dalla dimensione un po’ allargata dall’aspetto di una V, che facilita la penetrazione del sale e degli aromi utilizzati come aglio, rosmarino, mirto e ginepro che danno al salume un caratteristico gusto.

Vini in abbinamento: Alezio Rosato DOC, Chianti Classico DOCG, Brunello di Montalcino DOCG

 

FINOCCHIONA IGP

È un insaccato famoso toscano aromatizzato ai semi di finocchio.
La carne di maiale nella preparazione della finocchiona viene bagnata nel vino rosso e confezionata in forme più grandi di un classico salame. È stata registrata come IGP nel 2015 con ampie testimonianze a livello storico. Si narra che perfino Machiavelli tessesse le lodi di questo prodotto straordinario.

Vini in abbinamento: Chianti Colli Senesi DOCG, Chianti Rufina DOCG, Rosso di Montalcino DOC

cucina toscana
Flickr, occhipiuverdi

 

LARDO DI COLONNATA IGP

Colonnata è il paese nel comune di Carrara dove si produce il lardo di Colonnata.
Questo prodotto pregiato ha una lavorazione interessante: nelle conche in marmo di Carrara viene prima strofinato l’aglio e poi viene messo a stagionare il lardo a strati alterni con sale e aromi (pepe, rosmarino, salvia, cumino, coriandolo, noce moscata, cardamomo, cannella e chiodi di garofano).
A stagionatura ultimata, dopo 6-10 mesi, il prodotto avrà un aspetto di colore bianco, leggermente rosato e il gusto delicato con una nota dolce, arricchito dai profumi delle spezie.
Assaggiatelo al naturale, poi sbizzarritevi nelle ricette tradizionali toscane e negli abbinamenti più azzardati.

Vini in abbinamento: Morellino di Scansano DOCG, Chianti Rufina DOCG

 

PECORINO TOSCANO DOP

Dagli Etruschi ai giorni nostri è arrivato questo prodotto antichissimo, celebrato nel Quattrocento al pari del Parmigiano come miglior formaggio d’Italia.
Il disciplinare della denominazione limita il territorio di produzione non soltanto alla Toscana ma anche a zone del Lazio e dell’Umbria. Si può trovare nella tipologia a pasta tenera o semicotta.

Vini in abbinamento: Bianco di Pitigliano DOC, Chianti Classico DOCG, Chianti Colli Senesi DOCG, Brunello di Montalcino DOCG, Morellino di Scansano DOC

 

LAMPREDOTTO

Lo street food in Toscana è una cosa seria, tanto più a Firenze dove il panino con il lampredotto è immancabile.
La tradizione vuole che la parte superiore del panino venga inzuppata velocemente nel brodo del lampredotto (si tratta dell’abomaso, parte dello stomaco dei bovini) precedentemente cucinato.
Il panino viene farcito con le interiora ed, in qualche caso, lo si trova coperto dalla salsa verde di prezzemolo preparata con pane raffermo, olio, aceto, acciughe sott’olio e ovviamente abbondante prezzemolo che gli conferisce il verde brillante.

Vini in abbinamento: Chianti Classico DOCG, Morellino di Scansano DOCG

cucina toscana ricette tipiche

 

TRIPPA ALLA FIORENTINA

Si continua a parlare di frattaglie nelle ricette toscane ma questa volta l’argomento è la trippa alla Fiorentina, cioè trippa condita con un soffritto di carote, sedano, cipolle e con il pomodoro che va formare quasi una zuppa.
È un piatto tipicamente invernale dalla cottura lenta.

Vini in abbinamento: Barbera d’Asti DOCG, Chianti Colli Fiorentini DOCG, Etna Rosso DOC

piatto tipico toscano
Flickr, Alpha

 

ARISTA DI MAIALE ALLA TOSCANA

L’arista è il piatto della domenica, è un piatto della cucina toscana antichissimo e il nome risale al 1400 quando ospiti greci a Firenze assaggiandolo lo definirono “arista” (superlativo di buono).
La ricetta alla fiorentina e alla toscana si assomigliano molto, ma quella alla toscana è un pochino più veloce: un trito di rosmarino e aglio viene messo nelle incisioni ottenute nella carne, successivamente legata con lo spago e cosparsa con sale e pepe macinato.
Un riposo di un paio di ore in frigorifero le conferirà tutti i profumi.
La cottura in forno è importante per la riuscita di questo piatto tipico toscano e un trucchetto per ottenere la goduriosa crosticina è di alzare la temperatura negli ultimi minuti.

Vini in abbinamento: Sannio DOC, Chianti Rufina, Colli Berici Cabernet

 

TRIGLIE ALLA LIVORNESE

Nelle ricette della Toscana non possono mancare piatti di pesce.
Affascinanti borghi e cittadine affacciano sulla costa toscana, luoghi perfetti per fermarsi in un ristorante e assaggiare i piatti tipici toscani di mare.
Fra queste ricette toscane le triglie alla livornese sono un’ottima scelta, con il sughetto al pomodoro che chiama la scarpetta.

Vini in abbinamento: Bolgheri DOC bianco, Ischia DOC bianco

 

BACCALÀ ALLA LIVORNESE

Un sugo di pomodoro e cipolle avvolge il baccalà e le patate. È una ricetta toscana dove il baccalà mantiene tutto il suo profumo e la consistenza. Un secondo di pesce toscano semplice ma veramente gustoso.

Vini in abbinamento: Chianti Classico DOCG, Bolgheri DOC

 

Ricette tipiche toscane dolci

CANTUCCI CON LE MANDORLE

I Cantucci, chiamati anche biscotti di Prato, sono il perfetto fine pasto. Questi biscotti secchi sono divenuti una delle ricette toscane più famose in tutto il mondo. Sono il classico cadeau da portare agli amici dopo una visita in Toscana.
La particolarità è nella loro forma e nella consistenza croccante che gli viene data ottenendo, con l’impasto alle mandorle, un filoncino che verrà cotto in forno e poi tagliato. I biscotti alla fine andranno di nuovo nel forno per farli asciugare ed otterranno la tipica croccantezza.

Vini in abbinamento: Vin Santo del Chianti, Marsala Ambra Dolce

cucina toscana ricette

 

ZUCCOTTO TOSCANO

Un pan di spagna bagnato all’alchermes che racchiude un cuore di ricotta zuccherata mischiata a canditi, nocciole o mandorle, gocce di cioccolato.
Spesso si trova con l’aggiunta di panna al ripieno, di cui metà viene tinto di marrone con il cacao amaro. Uno strato della crema bianca ricopre il Pan di Spagna e uno di cacao riempie la parte centrale.
La forma è di una mezza sfera, uno zuccotto per l’appunto, lasciata spoglia come una nacked cake o coperta da zucchero a velo o cacao amaro.

Vino in abbinamento: Cinque Terre Sciacchetrà DOC

 

CASTAGNACCIO

Il castagnaccio viene chiamato anche baldino o pattona. Viene preparato in diverse regioni italiane ma sembra che la sua origine derivi dalla Toscana del ‘500, più precisamente da Lucca, e solo nel 1800 il castagnaccio divenne una delle ricette toscane antiche famose in tutta Italia.
Anticamente si trattava di una preparazione a base di farina di castagne ma solo successivamente vennero introdotti uvetta, pinoli e rosmarino.

È un ottimo dolce anche per i celiaci per l’assenza di glutine!

Vini in abbinamento: Vin Santo Occhio di Pernice, Aleatico dell’Elba passito DOCG, Sagrantino di Montefalco DOCG

ricette della toscana
Flickr, Francesca

 

NECCI TOSCANI

Con la farina di castagne oltre al castagnaccio è possibile fare i necci toscani, tipiche crespelle senza uova ripiene di ricotta, semplicissime da fare. Pochi ingredienti: farina di castagne, acqua e zucchero ed il risultato è garantito.

Vini in abbinamento: Novello di Toscana IGT

 

PANFORTE DI SIENA IGP

È un tipico dolce delle festività natalizie, simbolo della tradizione dolciaria della città di Siena.
In antichità era chiamato panpepato ed era semplicemente un pane con spezie e pepe.

La ricetta si modificò nel tempo e divenne un pane con miele e frutta fresca che fermentando dava al dolce un gusto acidulo. Negli anni successivi, vennero aggiunti frutta secca, mandorle, miele, frutta candita, spezie e zucchero vanigliato che sostituì il pepe.

Vini in abbinamento: Vin Santo del Chianti DOC, Marsala Ambra Dolce

ricetta toscana
Flickr, Giulia Scarpaleggia

 

TORTA COI BISCHERI

Spostandoci verso Pisa troviamo questo dolce casalingo tradizionale dei giorni di festa.
Base frolla e farcitura di cioccolato, riso, cacao, pinoli e uvetta. La decorazione può essere la classica rete a quadri ma indispensabili sono i bischeri, chiamati becchi a Lucca, cioè degli spuntoni, che circondano la torta.

A Lucca la torta co’ becchi è salata, il ripieno è di erbette!

Vini in abbinamento: Vin Santo Toscano, Passito di Pantelleria DOC

 

SCHIACCIATA FIORENTINA

Fra le ricette toscane tipiche del periodo di Carnevale, la schiacciata Fiorentina è una torta morbida.
Un tempo veniva utilizzato lo strutto che oggi è stato sostituito dal burro o dall’olio ma il risultato è sempre soffice, delicato e profumato. Di solito viene decorata con il giglio bottonato, simbolo di Firenze.

Vini in abbinamento: Vin Santo Toscano

ricette toscana
Flickr, Emily Klingermann

 

Esperienze enogastronomiche in Toscana

Non sarò la prima a elogiarvi il territorio toscano con le sue sconfinate bellezze, ma sono qui a dirvi che un modo per scoprire le ricette della cucina toscana e i piatti tipici della regione c’è.
Anzi, ce n’è più di uno!

Per muovere i primi passi fra le ricette toscane e non solo, una visita in azienda agricola può fare al caso tuo: una giornata in fattoria, scoprire i produttori d’olio oppure fare un giro nelle cantine più antiche della zona.
Italia Delight può aiutarti a prenotare un’esperienza enogastronomica in Toscana!
Degustare un prodotto nel luogo in cui è stato creato, sentendo non solo i sapori di ciò che mangi ma anche gli odori e le sensazioni che riceverei dall’ambiente caratteristico.
Tutto ciò ti farà vivere un’esperienza unica.

toscana ricette tipiche
Colline toscane – uliveti

Per te sarà possibile capire fino in fondo il terroir di un vino grazie alle spiegazioni degli Esperti del gusto di Italia Delight, che ti accompagneranno in un wine tour in Chianti con sommelier.

Percorsi enogastronomici a Seggiano alla scoperta dell’olio di Seggiano DOP o a Certaldo dell’olio Toscano IGP sono sempre interessanti.
E se i piatti tipici della cucina toscana hanno destato il tuo interesse, diversi corsi di cucina del territorio ti attendono: dalla preparazione di zuppe maremmane ad una giornata in cucina e in cantina nelle vigne di San Miniato.

Trovi tutte le esperienze con facilità su Italia Delight così da poter scegliere quella che fa al caso tuo per scoprire la cucina toscana.

Ti è piaciuto l’articolo sulle ricette toscane a cura di Nur Migahed, laureanda in Scienze e Culture Enogastronomiche presso l’Università Roma Tre? Scopri tutte le esperienze e parti per questa splendida regione con Italia Delight! 😉🚗

 

L’autore

client-photo-1
Italia Delight
Italia Delight è la piattaforma online che permette a chiunque, sia viaggiatore che operatori business (B2C e B2B) di prenotare esperienze enogastronomiche autentiche direttamente con i migliori Esperti del Gusto italiani: contadini, vignaioli, pescatori, allevatori e pasticceri, saltando tutti gli intermediari. La prenotazione è diretta fra Esperto e viaggiatore.

Commenti

Lascia un commento