Tuscia: cosa vedere nella Tuscia Viterbese

Nella Tuscia cosa vedere? Ecco una guida virtuale per scoprire cosa vedere nella Tuscia Viterbese e conoscere le principali attrazioni del luogo.

 

La Tuscia corrisponde al territorio del viterbese, nell’alto Lazio, un territorio in cui potersi rilassare entrando in contatto con la natura e la storia del luogo grazie alla presenza dei suoi laghi, boschi e parchi. Senza dimenticare l’importante varietà enogastronomica che questo luogo è in grado di offrire.

Il termine Tuscia deriva dal latino e vuol dire “il territorio abitato dai Tusci”, cioè gli etruschi. In passato la Tuscia era suddivisa in tre aree ovvero la Tuscia romana, la Tuscia ducale e infine quella longobarda. Ad oggi va ad indicare solamente la provincia di Viterbo.

Ti stai chiedendo nella Tuscia cosa vedere? Nei prossimi paragrafi, andremo a scoprire le più importanti attrazioni di questo luogo. Si va dal famoso lago di Bolsena con le isole di Bisentina e Martana ai borghi di Capodimonte, Acquapendente, Montefiascone e Civita di Bagnoregio. Dal parco dei mostri a Bomarzo alle numerose sorgenti termali del luogo.

Tranquillo! C’è spazio anche per la bellissima e buonissima offerta enogastronomica.

Vuoi visitare il Lazio? Guarda tutte le esperienze selezionate per te da Italia Delight!

 

visitare la tuscia
Flickr, _Claudio

 

Cosa vedere nella Tuscia? I borghi

Sono molte le attività che si possono svolgere in questi territori grazie all’importante varietà che contraddistingue il paesaggio.

 

1. Bolsena

Sicuramente una delle mete più ambite e ricercate è il lago di Bolsena con la sua città. Bolsena sorge ai piedi dei monti Volsini e grazie al suo meraviglioso lago e allo splendido borgo è una delle destinazioni da non perdere quando si vuole visitare la Tuscia Viterbese.

Tra i monumenti simbolo della città spicca la Rocca Monaldeschi, ad oggi sede del Museo Territoriale del Lago di Bolsena. La Rocca è situata nel più antico borgo della Tuscia, Castello. Dalle sue torri offre un panorama mozzafiato sulle due isole del lago, Martana e Bisentina, due residui di coni vulcanici subacquei.

 

tuscia viterbese

 

Nell’antico borgo meritano particolare attenzione anche la famosa Basilica di Santa Cristina e la Cappella del Miracolo, chiamata così perché secondo una storia antica un giorno da un’ostia sgorgò una notevole quantità di sangue.

 

2. Civita di Bagnoregio

Lasciando il territorio di Bolsena, un’altra destinazione da vedere assolutamente è Civita di Bagnoregio soprannominata “la città che muore”, a causa della posizione in cui si trova. La cittadina si erge infatti su uno sperone tufaceo, che viene messo a dura prova dal tempo e dal vento. Questa precarietà è uno dei principali motivi per cui migliaia di viaggiatori ogni anno affollano questo fantastico borgo. Da non dimenticare anche l’aspetto romantico: se stai cercando una fuga romantica, Civita di Bagnoregio fa certamente al caso tuo!

 

bagnoregio
Civita di Bagnoregio

 

3. Viterbo

Una meta che offre invece molto dal punto di vista storico-culturale è sicuramente Viterbo, la città che presenta il più vasto centro storico medievale d’Europa. Viterbo è conosciuta anche come la Città dei Papi e ne sono testimonianza le numerose chiese e basiliche presenti in questo territorio. Tra le più importanti, da non perdere, la Cattedrale di San Lorenzo, del XII secolo, e la Basilica di Santa Maria Nuova, una delle più antiche di Viterbo. Degno di nota è anche il Palazzo dei Papi costruito per ospitare e proteggere i pontefici durante il loro soggiorno a Viterbo.

 

viterbo
Viterbo

 

Nella frazione di Bagnaia si trova invece Villa Lante, definita da Sitwell come uno dei più bei posti del mondo. Non te la far sfuggire! Viterbo e la Tuscia offrono anche ampia scelta in ambito archeologico. Puoi tranquillamente visitare gli scavi archeologici di Ferento in cui è presente un teatro romano utilizzato anche per ospitare concerti e altri eventi. Non possono mancare le aree verdi tra cui è fondamentale citare il Prato Giardino, il parco più importante della città, e Bullicame, una sorgente d’acqua termale con proprietà terapeutiche, ottima per rilassarti e prenderti cura del tuo corpo.

 

4. Acquapendente

A confine tra Lazio, Toscana e Umbria, a pochi passi dalla via Cassia e dalla via Francigena, si trova Acquapendente. Questo è un piccolo borgo che deve le sue fortune turistiche alla posizione strategica in cui è collocata, ma non solo.

 

acquapendente
Acquapendente – Flickr, Fabio Polimadei

 

Nella Tuscia cosa vedere se sei ad Acquapendente? La cittadina è famosa per la “pietra bagnata dal sangue” ovvero una pietra proveniente, secondo tradizione, dal Santo Sepolcro di Gerusalemme. La reliquia si trova nella cripta della Cattedrale del Santo Sepolcro all’interno di un sacello, una struttura che riproduce in miniatura l’omonima chiesa di Gerusalemme.

 

5. Montefiascone

Lungo il percorso della via Francigena è possibile trovare un altro interessante borgo, Montefiascone. Montefiascone è il paese con maggiore altitudine della provincia di Viterbo. Grazie a questa caratteristica è facile intuire la bellezza dei panorami visibili dalla cittadina.

 

montefiascone
Montefiascone – Flickr, Johannes Mehrer

 

Oltre alla bellissima vista sul lago di Bolsena, a Montefiascone è possibile apprezzare la meravigliosa Cattedrale di Santa Margherita, con la cupola di Carlo Fontana del 1674. La chiesa più antica della città è la chiesa di Sant’Andrea, situata nei pressi della cinta muraria del borgo. Il monumento simbolo di Montefiascone è però la chiesa di San Flaviano, costituita da due chiese sovrapposte. Per ultima, ma non per importanza, abbiamo la Rocca dei Papi, rifugio per i pontefici durante le guerre e gli assedi che interessavano Roma.

 

6. Caprarola

Spostandoci a sud di Viterbo, vicino al lago di Vico, troviamo Caprarola, piccolo borgo situato nelle terre della Tuscia Viterbese. Grazie alle camminate fatte per visitare il paese è possibile godere della natura incontaminata che circonda questo luogo.

 

cosa vedere nella tuscia
Caprarola – Flickr, Fabiana

 

Palazzo Farnese è sicuramente il monumento simbolo di Caprarola. Raggiungibile percorrendo la “via dritta”, il palazzo offre una vista mozzafiato che ti ripagherà degli sforzi fatti per arrivarci. Altri importanti monumenti presenti in questo fantastico borgo sono la Chiesa della Madonna della Consolazione e la Chiesa di Santa Teresa.

 

7. Civita Castellana

Rimanendo nei pressi del lago di Vico troviamo Civita Castellana. La città sorge su uno sperone tufaceo e leggenda narra essere stata fondata da Aleso, figlio di Agamennone. Questo borgo offre una notevole varietà artistica e archeologica. Non mancano infatti santuari, necropoli e aree templari.

 

civita castellana
Civita Castellana

 

Tra i parchi e i laghi del Viterbese

I territori della Tuscia offrono un’ampia scelta di attività. Come hai visto c’è la possibilità di visitare alcuni dei borghi più suggestivi d’Italia, con i loro monumenti e la loro storia, ma non solo. Cosa vedere nella Tuscia Viterbese per gli amanti della natura?

Se ti trovi da queste parti non puoi farti sfuggire il famoso lago di Bolsena, nei pressi dell’omonima città. Spostandoti a sud di Viterbo potrai godere del fantastico paesaggio del lago di Vico, altra meta molto ambita dai turisti. Tra i due laghi invece, a Bomarzo, devi assolutamente visitare il Parco dei mostri, in cui si respira un’atmosfera quasi surreale, tra le imponenti sculture basaltiche che popolano il parco.

Ecco una panoramica di queste fantastiche attrazioni e tanti consigli utili per visitare la Tuscia.

 

1. Lago di Bolsena

Il lago di Bolsena è il quinto per estensione in Italia e il primo di origine vulcanica in Europa. Il lago, interamente balneabile, offre giornate di relax e tranquillità. Si passa dalle tipiche attività di canoa, windsurf e pesca alle comuni passeggiate o pedalate grazie ai vari percorsi presenti.

 

lago di bolsena
Lago di Bolsena

 

Con queste ultime, è possibile visitare i due borghetti situati nei pressi del lago: Marta, tipico borghetto di pescatori dall’atmosfera tranquilla e Capodimonte, paese incantevole con la famosissima Rocca Farnese da visitare.

Dominano la scena, i due isolotti presenti nel lago, Martana e Bisentina. Entrambe le isole sono private, quindi non è possibile visitarle se non con dei tour guidati che ti permetteranno di immergerti in una natura incantevole e incontaminata.

 

2. Lago di Vico

Il lago di Vico è un lago di origine vulcanica della provincia di Viterbo, tra il monte Fogliano e il monte Venere. Area protetta dal 1982, appartenente alla Riserva Naturale Lago di Vico, è una meta molto ambita dai viaggiatori. Il luogo perfetto se ti stai chiedendo nella Tuscia cosa vedere e cosa fare. Le attività che vengono svolte sono la balneazione e l’escursionismo, con i vari percorsi da trekking. Non mancano in alcune aree del lago, rampe per deltaplani e per fare parapendio. Come vedi hai l’imbarazzo della scelta!

 

lago di vico
Lago di Vico – Flickr, Paolo

 

3. Bomarzo

A Bomarzo, un paese della provincia di Viterbo, si trova una delle attrazioni più suggestive del luogo: il Parco dei mostri anche detto “Sacro Bosco”. Fu fatto costruire da Vicino Orsini nel XVI secolo, ai piedi di un anfiteatro naturale.

 

cose da vedere nella tuscia
Bomarzo, Sacro Bosco

 

All’interno del parco potrai notare monumenti in basalto raffiguranti animali mostruosi e mitologici ed anche divinità. Potrai vedere ad esempio delle sfingi, la lotta tra Ercole e Caco, il gruppo della tartaruga e della balena e molte altre. Non ti resta che visitare questo affascinante luogo ricco di storia, arte e fantasia!

 

Sorgenti termali nella Tuscia Viterbese

Non possono mancare ambienti in cui rilassarsi e prendersi cura di sé. Il bacino idrotermale e idrominerale di Viterbo è infatti uno dei più copiosi in Italia. In questi territori si alternano terme immerse nella natura a stabilimenti termali in cui è anche possibile soggiornare.

La sorgente più conosciuta è sicuramente quella di Bullicame, la cui acqua fuoriesce da un cratere naturale posto all’interno di un laghetto. A seguire possiamo trovare la Sorgente delle piscine Carletti o anche le Sorgenti termali delle terme Masse di San Sisto.

Da non perdere le famose Terme dei Papi e le Terme di Vulci, stabilimenti dotati di ogni comfort per goderti una giornata di pieno relax!

📚 Se vuoi saperne di più sulle terme italiane, leggi anche Terme più belle d’Italia: il relax da non perdere

 

Cosa fare nella Tuscia? Feste, eventi ed enogastronomia

L’offerta enogastronomica della Tuscia Viterbese è molto varia.

Un prodotto che è importante ricordare è l’aglio rosso di Proceno, comune nei pressi di Acquapendente, con il suo tipico sapore forte e piccante. Sempre ad Acquapendente è conosciuto il farro del Pungolo, alimento ricco in fibre e proteine.

Quando si parla di Tuscia però è impossibile non citare la nocciola, prodotto tipico del luogo. Le tre principali varietà coltivate sono la Tonda Gentile, il Nocchione e la Tonda di Giffoni.

 

Tipico del lago di Bolsena e di Vico è il lavarello, un pesce meglio conosciuto come coregone. È preparato alla brace o ai ferri ma può essere anche consumato al forno o alla mugnaia. Altri prodotti tipici della zona del Viterbese sono senz’altro l’olio di Canino e le lenticchie di Onano.

 

Come non citare poi i famosi dolci della Tuscia: i ceciaroli, ravioli ripieni con crema di ceci, le ciambelline all’anice, i tozzetti e le castagnole alla sambuca. Non ti resta che provarli!

Anche dal punto di vista enologico abbiamo un’ampia scelta. A Montefiascone è prodotto l’EST!EST!EST!, un vino bianco secco perfetto per accompagnare piatti di pesce. Sempre vicino al lago di Bolsena, a Marta, troviamo invece la Cannaiola, un vino rosso leggermente dolce. Ultimo ma non per importanza è l’Aleatico di Gradoli, un vino rosso liquoroso ottimo per accompagnare formaggi e qualche pasticcino secco.

 

bolsena

 

Concludiamo il nostro viaggio alla scoperta di cosa vedere nella Tuscia citando alcune sagre ed eventi del luogo. Ad agosto presso la città di Caprarola è possibile assistere alla Sagra della nocciola. La Sagra del biscotto è invece tipica del paese di Bomarzo, nel mese di aprile, insieme al palio di S. Anselmo. Nel periodo di giugno non ti puoi perdere, a Viterbo, la Sagra della ciliegia.

Ora che sai nella Tuscia cosa vedere e gustare, spero che questa guida virtuale ti sia stata utile per apprezzare queste splendide terre e che tu scelga di visitare la Tuscia Viterbese. 😍

 

L’autore

client-photo-1
Matteo Panella
Ciao, sono Matteo Panella! Sono un giovane ragazzo romano di 22 anni, appassionato allo sport e al mondo del cibo e della cucina, attualmente iscritto alla facoltà di Scienze e Culture Enogastronomiche dell’Università Roma Tre.

Commenti

Lorena
4 Agosto 2021
Una recensione molto apprezzata che descrive perfettamente un fantastico territorio!
Stefania
4 Agosto 2021
Ottima descrizione dei luoghi in cui si è sviluppata la civiltà etrusca itinerario ricco di storia e di paesaggi incantevoli da visitare anche nei week end
Simone
4 Agosto 2021
Descrizione accurata e fatta nei minimi particolari. Quando passerò da quelle parti terrò sicuramente presente questa guida.
Emanuela
4 Agosto 2021
Leggendo queste righe mi è venuta una gran voglia di visitare questi luoghi! Grazie Matteo!
marina
4 Agosto 2021
Accurata descrizione dei luoghi e delle tipicità enogastronomiche. sicuramente da andare a visitare questi luoghi ricchi di storia e di arte
cristina
3 Agosto 2021
grazie per questa bellissima e gradevole descrizione della zona. Molto accurata ed esaustiva. Andrò di sicuro a visitarla

Lascia un commento