Risotto detox… Con il sedano!
Aerial view of hands with knife cutting celery on wooden cut boa

Dieta detox dopo le feste? Torna in forma con il risotto al sedano!

 

Lo chiamano “alimento ipocalorico negativo”, poiché le calorie assunte mangiandolo si consumano con l’energia utilizzata per masticarlo e digerirlo.

Il sedano, ortaggio della stagione fredda, è quindi perfetto per un risotto leggero e detox, come ci consiglia Risotto.us, il portale italiano dedicato al risotto con oltre 350 ricette online facilmente consultabili.

Le proprietà del sedano

Per prima cosa, il sedano ha poche calorie (solo 20 in 100 grammi), contiene molta acqua e fornisce un buon apporto di potassio e vitamina A. Si tratta poi di un ortaggio ricchissimo di fibre, che aiutano a ridurre trigliceridi e colesterolo. Ci sono poi la sedanina (la sostanza che fornisce il classico aroma), che aiuta l’assorbimento dei gas nell’apparato digerente, e gli ftalidi, che aiutano a regolare la pressione del sangue.

Il risotto al sedano

Come sempre, per beneficiare del prezioso cocktail naturale del sedano bisognerebbe consumarlo crudo.

Il suggerimento, per il risotto al sedano, è quindi di utilizzarne dei cubetti crudi per la decorazione finale del piatto, oppure di frullarlo a crudo con poca acqua tiepida e di usare questa purea per mantecare il risotto alla fine, ottenendo un effetto cremoso ma senza stracuocere l’ortaggio.

La preparazione del risotto inoltre, con la continua aggiunta di brodo, è assimilabile alla tecnica delle verdure “stufate”, quindi alle tecniche consigliate dai nutrizionisti.

risotto al sedano

Alle proprietà classiche del riso, che è astringente e favorisce la digestione, si aggiunge quindi il valore del sedano, che è depurativo e diuretico: ecco che il risotto al sedano si presenta come un piatto ipocalorico, bilanciato e detox, ma decisamente gustoso.

La varietà di riso consigliata è della categoria “superfino”, che consente avere una preparazione cremosa grazie al rilascio di amido, ma allo stesso tempo al dente, con la consistenza evidente dei singoli chicchi. Sono risi superfini il Carnaroli, l’Arborio, il Roma ecc.

L’abbinamento con pere, carote e cetrioli è l’ideale per sgonfiare ed eliminare i liquidi che si accumulano nelle gambe e nei piedi: nel risotto il gusto più in contrasto e che quindi ben si abbina, è quello della pera.

Per chi desidera un tocco di croccantezza in più, si consiglia l’aggiunta di qualche noce sbriciolata a fine cottura. A scapito di qualche caloria aggiuntiva, invece, si possono aggiungere 50 grammi di gorgonzola dolce in fase di mantecatura e il risultato è assicurato!

Ti è piaciuto l’articolo sul risotto al sedano? Prenota ora la tua esperienza in Piemonte con l’Esperta Giulia e scopri di più sull’affascinante mondo del riso italiano!

 

L’autore

client-photo-1
Risotto.us
Sito dedicato esclusivamente al riso in cucina. Il suo piatto forte sono le ricette. La sua mission è promuovere la conoscenza del risotto e dei piatti a base di riso in Italia. www.risotto.us

Commenti

Lascia un commento